Cresce l’interesse per il Camporeale Days, l’evento che mette al centro le eccellenze del territorio dell’Alto Belice

Circa 40 le aziende partecipanti. Oltre quattordici mila le presenze alla VII edizione della manifestazione. L’evento Camporeale Days 2021 è un successo, con un risultato, post pandemia, che supera le aspettative.

La kermesse di Camporeale, in provincia di Palermo, organizzata dall’Associazione Turistica Pro Loco Camporeale con il patrocinio del Comune, nasce per valorizzare e promuovere le risorse enogastronomiche, artistiche, artigianali e turistiche del territorio dell’Alto Belice, e quest’anno registra il tutto esaurito anche per workshop, masterclass e visite in cantina.

Tre giorni all’insegna di visite guidate in cantina, degustazioni, workshop, cooking show, alternate a mostra di moto e auto d’epoca, spettacoli teatrali e numerose altre iniziative, che hanno portato all’interno del Baglio e del Palazzo del Principe e lungo la via Roma di Camporeale un numero di visitatori superiore del 10 per cento rispetto al 2019. Un risultato inaspettato per un evento che è ripartito dopo aver saltato un anno a causa della pandemia da Covid-19.

Tema protagonista di questa edizione è stato il grano. La Sicilia già all’epoca dell’occupazione romana era nota come “il granaio di Roma”. Oggi le cultivar dell’isola, antiche o moderne che siano, riescono a dare prodotti di indiscussa qualità. Ne sono dimostrazione le produzioni delle locali aziende, tra le quali il Pastificio Feudo Mondello, che produce pasta e semole da grano duro siciliano coltivato nei 270 ettari di terra che attorniano il pastificio; Camadial, produttori di riso siciliano e di pasta fatta con grano duro e grani antichi siciliani; i Raccolti di Tobia, impegnati nella ricerca delle sementi di varietà antiche e autoctone siciliane, allo scopo di riportare sul territorio i sapori e i profumi originali dell’isola.

Non sono mancate le tante aziende vitivinicole presenti a Camporeale e nelle città limitrofe, ognuna delle quali riesce ad esprimere il territorio nel calice con un’identità ben precisa: Alessandro, Candido, Sallier de la Tour, Todaro, Porta del Vento e tanti altri ancora (qui trovate l’elenco completo di tutti gli espositori).

Vini riconoscibili che, in larga parte, rientrano nella Monreale DOC. E proprio questa edizione del Camporeale Days è stata l’occasione per presentare la nuova Monreale DOC e il nuovo disciplinare. Il vecchio disciplinare di questa denominazione, nata nel 2000, ammetteva 12 varietà. Oggi il nuovo disciplinare riduce queste varietà a 4, Catarratto e Insolia per i bianchi, Perricone e Syrah per i rossi. Quest’ultimo, unico vitigno internazionale presente nella DOC, è ormai considerato il portabandiera dei vini di questo territorio, avendo trovato qui le condizioni ideali per produrre vini di grande interesse.

Tante anche le aziende che hanno preparato ed esposto le loro tipicità e le loro produzioni artigianali. Tra gli stand era possibile gustare lo sfincione, la sciavata, la pasta fatta con i grani locali, e ancora formaggi e salumi tipici.

A partecipare alla manifestazione sono stati perlopiù appassionati, addetti ai lavori, visitatori e turisti in cerca di produzioni agroalimentari e artigianali di nicchia, appassionati del turismo sostenibile e dei metodi di produzione tradizionali e biologici, desiderosi di saperne di più su un territorio ricco di coltivazioni che raccontano la storia del Mediterraneo come la produzione di frumento, quella olivicola e quella vitivinicola. Sold out le visite nelle cantine del territorio e gli approfondimenti tematici sul vino.

“Ci stava a cuore la ripartenza, la possibilità di riattivare la macchina organizzativa di quest’evento così importante per il territorio – ha affermato Benedetto Alessandro, presidente della Pro Loco -. Camporeale Days è cresciuto nel tempo e offre un supporto alle aziende per fare conoscere le risorse agroalimentari, turistiche e artigianali dell’Alto Belice. Non è stata un’edizione semplice da organizzare, ma tutto è stato fatto in sicurezza, con limitazioni dei posti disponibili per masterclass e cooking show e con accesso controllato e limitato ai possessori di Green Pass. Qualche timore iniziale sulla riuscita c’è stato, considerando le risorse messe in campo. Non ci aspettavamo una simile risposta dal pubblico. Il risultato ci inorgoglisce. Per noi significa che sta crescendo l’attenzione verso la manifestazione e si diffonde l’interesse per il territorio e per i suoi prodotti. Lavoreremo alla prossima edizione portando avanti la nostra missione, che è quella di affermare l’evento come punto di riferimento per appassionati winelovers e addetti al settore di tutta la Sicilia”.

“Andiamo avanti convinti che sia esattamente questa la strada da percorrere per dare il giusto valore ad un territorio. Questa ripartenza ci dona l’entusiasmo di fare sempre meglio”, ha concluso Alessandro.

Guarda il video a cura di TrmWeb.

www.camporealeday.it

Lascia un Commento

Iscriviti alla NewsletterRicevi Gratis la Guida all'Abbinamento Cibo Vino